lunedì 25 luglio 2016

L’Haptonomia perinatale come accompagnamento ai genitori prima e dopo la nascita

haptonomia
In pochi in Italia conoscono cosa sia e cosa serva l’haptonomia, eppure questa scienza è presente oramai da più di 20 anni in molti Paesi europei ed è attualmente praticata da più di 300 professionisti della salute sparsi in tutto il mondo.
L'haptonomia, disciplina fondata nel 1945 dal medico olandese Frans Veldman (1921-2010),  studia l’affettività espressa attraverso il contatto tattile. Il termine che la denomina si compone di due parole greche: haptein,contatto, e nomosintelligenza’; la definizione che se ne può dare è  -scienza dell'affettività e delle relazioni emozionali umane-.
L’osservazione fondamentale emersa dalle ricerche di Veldman è che la “conferma affettiva” è indispensabile per il pieno sviluppo del potenziale dell'essere umano, fin dal suo concepimento.  
Il nascituro che può sperimentare il contatto amorevole a partire del grembo materno riceve un piacere e una conferma di sé che contribuiscono alla costruzione della sua sicurezza affettiva ed emotiva, che in seguito lo aiuterà ad affrontare le sfide della vita e assaporarne la ricchezza.
Si tratta di un approccio che arricchisce tutti gli operatori sanitari nell’esercizio del proprio lavoro per la qualità del contatto umano che offre con il paziente, favorendo uno stato di sicurezza di base nella persona, sia che essa sia infelice, sia malata, sia morente o non ancora nata.
Uno dei campi di applicazione di questa scienza che ha avuto maggiore riscontro è la  perinatalità. L’haptonomia perinatale prevede un accompagnamento che si rivolge alla coppia genitoriale, madre e padre, che entra in contatto intimo con il figlio, a partire dai primissimi mesi del concepimento fino al primo anno di vita del bambino.
Questo percorso favorisce lo sviluppo della relazione emotiva, attiva, tra madrepadre e figlio.Facilita la creazione e lo sviluppo del sentimento di paternità e di maternità. Sollecita la partecipazione relazionale del bambino dal momento del concepimentonel grembo materno.L’haptonomia definisce "grembo materno" il nido "affettivo" formato da uteroperineo,diaframma toracico e muscoli addominaliCondotto in un clima di sicurezza, tenerezza e fiducia, l’accompagnamento continua dopo la nascita fino all'acquisizione da parte del bambino della capacità di camminare, momento che segna una tappa fondamentale della sua autonomia.
La qualità del rapporto affettivo ed emotivo che si instaura durante il percorso haptonomico tragenitori e figli ha una funzione preventiva sulle possibili problematiche relazionali successive alla nascita. 
continua su :http://www.aptonomia-perinatale.it/

Nessun commento:

Posta un commento