martedì 27 ottobre 2015

La potenza di un abbraccio: antistress potentissimo



Si può misurare la potenza e l'intensità di un abbraccio? Non credo ci sia un'unità di misura per questo atto d'amore. Per quanto mi riguarda, è il gesto più profondo che si possa manifestare. Ancor più di una parola, ancor più di un bacio. Innanzitutto, per abbracciare un'essere, devi aprire le braccia, questo presume un senso di apertura nei confronti dell'altro essere.

In secondo luogo, i corpi arrivano a contatto e la nostra energia si fonde con quella dell'altra anima che hai davanti. Qui ci si scambia le cose più intime che neanche le parole possono spiegare. Se ci fate caso, nel momento in cui abbracciamo qualcuno i nostri cuori sono attaccati e regna la quiete.

Infine, per completare un abbraccio, si avvolgono le braccia attorno all'essere, quasi per comunicare "qui sei a casa" o "non sei solo/a".

Tutte queste motivazioni mi fanno pensare che sia un gesto di cui non si possa fare a meno.
Quando nasciamo veniamo accolti tra le braccia della mamma e quando muoriamo dall'abbraccio di tutti i cari che ci hanno accompagnato nella vita. E' un'espressione utilizzata anche nei momenti di grande gioia o dolore.

Eppure... capita nella vita che qualcuno si sia creato un così grande guscio che anche un abbraccio lo mette a disagio. Proprio l'atto descritto così amorevolmente, diventa distanza siderale in due anime che rimangono distinte.

Il mio invito è di interrogarsi nei casi in cui si riceve un abbraccio non lo si gradisce oppure se viene visto con troppe etichette.

L'abbraccio non è mentale, ma un gesto spontaneo tra due anime che si incontrano.
Ricordiamoci che un abbraccio affettuoso, produce nella persona l'OSSITOCINA, ovvero "l'ormone dell'amore". Questo fa si che un abbraccio sia anche terapeutico per corpo, mente e spirito. Molto utile se prolungato oltre i 3 minuti!

20 secondi abbracci, tenendosi 10 minuti per mano, riduce anche gli effetti fisici dannosi dello stress tra i quali l'impatto sulla pressione sanguigna e sulla frequenza cardiaca . Questo ha un senso, dato che con gli abbracci si abbassano i livelli degli ormoni dello stress, in particolare del cortisolo.

Ma le ricerche ci dicono che c'è ancora di più di tutto ciò. Come riportato da mail Online: "La pelle contiene una rete di piccoli centri di pressione ovoidali detti corpuscoli di Pacini in grado di rilevare il tatto in collegamento con il cervello attraverso il nervo vago. Il nervo vago si snoda attraverso il corpo ed è collegato a sua volta a diversi organi, compreso il cuore ed è collegato ai recettori dell'ossitocina. Una teoria spiega come la stimolazione del nervo vago provoca un aumento di ossitocina che, a sua volta, porta a cascata molti benefici per la salute ".

10 secondi abbracci al giorno inducono reazioni biochimiche e fisiologiche nel corpo che possono migliorare notevolmente la salute.

Secondo uno studio, questo significa:
  1. un minor rischio di malattie cardiache
  2. una riduzione dello stress
  3. una diminuzione della stanchezza
  4. un rafforzamento del sistema immunitario
  5. una diminuzione delle infezioni
  6. un minor rischio di depressione

Dovrebbe essere prescritto per qualsiasi tipo di problematica e diffuso come un virus.
Ah... ricordiamoci che sono anche GRATIS :-)

Vi lascio con dei versi scritti da Patrick Peace Brains:

"Un abbraccio al mondo,
 una preghiera e una candela per i bambini che hanno freddo
 una favola azzurra per i bambini che hanno paura
 una luce di speranza per i bambini che aspettano l'alba
 e il perdono per chi da solo non ce la fa."

Nessun commento:

Posta un commento