martedì 28 luglio 2015

Certificazione di malattia per depressione post-partum: chi la fa ?

Spesso la mamma con DPP si trova nella necessità di prolungare la cura anche dopo la maternità facoltativa. In questo caso sorge spontanea la domanda: come può fare visto che la DPP è comunque in parte invalidante? 



Ecco la domanda di una mamma e la Risposta di O.N.Da – Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna. 
Domanda: Chi deve certificare la depressione post partum per giustificare l’assenza dal lavoro? Il medico di base, la psicologa che mi ha in cura o la psichiatra del DSM? Ognuno di loro mi rimbalza all’altro e non so che fare!
Risposta: Credo che teoricamente ciascuna delle figure professionali a cui lei fa riferimento, potrebbe effettuare una dichiarazione per assenza o permesso dal lavoro. Dipende dalle normative vigenti nella sua regione, dal tipo di struttura nei quali le figure professionali sono inserite e dalle richieste del suo datore di lavoro. 
Credo comunque che il medico di base sia la figura che possa meglio informarla sulle regole e le modalitá attraverso le quali viene prodotto un certificato per malattia. Solitamente è necessario che la richiesta sia avvallata dalla diagnosi di uno psichiatra.




Nessun commento:

Posta un commento